All'interno del progetto pilota "Progetto alternanza Scuola-Lavoro interdisciplinare di Ateneo", presentato al Salone Orientamenti 2018 dall'Istituto genovese Champagnat, dal MIUR e dall'Università di Genova, il SimAV ha realizzato un percorso di alta formazione con tecnologia di simulazione.

Agli studenti attraverso lezioni frontali ed esercitazioni in simulazione è offerta la possibilità di usufruire delle tecnologie di simulazione medica ad alta fedeltà, di simulare un ambiente ambulatoriale con strumenti di media e bassa fedeltà fino alle esercitazioni di bassa chirurgia. Li si introdurrà in un ambiente ospedaliero simulato per studiare casi virtuali al computer.

In particolare il piano formativo prevede di affrontare argomenti propri della emergenza/urgenza nei giorni 13 e 15 febbraio, quali:

  • l'organizzazione della emergenza territoriale (centrale 112/118);
  • la cassetta PS, la medicazione delle ferite, l'applicazione di punti di sutura, il lavaggio mani;
  • il monitoraggio dei parametri vitali;
  • il primo soccorso RCP BLS-D;
  • la gestione delle emorragie (Corso bleeding);
  • il trattamento delle ustioni;
  • i soccorsi in caso di annegamento, intossicazione e uso di stupefacenti, trauma.

Durante la seconda giornata, i ragazzi hanno seguito il corso "Bleeding Control Basic", ottenendone la certificazione.

Il progetto multidisciplinare, realizzato attraverso uno schema che coinvolge diverse strutture dell'Ateneo e le loro diverse compentenze, è precursore di una nuovo concetto di Alternanza Scuola Lavoro. Fa parte dei progetti di ASL del Centro, partiti nel 2019.

Dicono di noi:

http://liguria.bizjournal.it/2018/11/champagnat-progetto-pilota-studenti-simulazione-ambulatorio/